Pensieri e Parole

L’intolleranza.

Share this post

L’intolleranza.

E non parlo di quella al lattosio.

Lo so, a volte mi spazientisco davvero nell’arco di un battito di ciglia.

Lo so, la pazienza è la virtù dei forti.

Lo so, sono energie spese davvero male.

Eppure vi assicuro che, a scadenze più o meno regolari, mi sale questo sentimento di intolleranza che prende il sopravvento.

A voi capita mai?

Ho cercato di vederci un po’ più chiaro, e ho individuato delle ricorrenze.

Ed ecco alcuni esempi di quando questa sensazione si impadronisce di me e si insinua sotto la mia pelle.

  • In generale ho scoperto che l’incoerenza mi fa venire l’orticaria. Chi vuole dimagrire ma non fa la dieta, chi si lamenta del proprio fisico flaccido ma non fa sport, chi vuole il macchinone ma poi non ha soldi per le spese quotidiane. A me è stato insegnato così: se vuoi qualcosa devi lavorare (e sì, anche faticare) per ottenerlo, le cose non cadono dall’albero. Quindi è inutile lamentarsi se si sta fermi sul proprio posto ad aspettare che qualcosa accada magicamente.
  • Tu, che non sei di madrelingua inglese, ma decidi che nel tuo post (su Facebook, Instagram o simili) vuoi usare la lingua anglosassone e immancabilmente viene fuori qualche boiata. Ma perché? Perché mi chiedo io… Non ti obbliga nessuno ad usare una lingua non tua, ma se lo fai, abbi la decenza di farlo correttamente, informarsi costa poco al giorno d’oggi.
  • Tu, che il verbo essere alla terza persona singolare lo scrivi “é”. Nooooooo, l’accento va all’indietro, si scrive “è”. E pensa un po’, lo dici allo stesso modo ma nella parola “perché” devi usare l’accento opposto.
  • Divento intollerante se una risposta la puoi trovare per conto tuo (per esempio schiacciando due tasti su Google) ma per pigrizia la chiedi a me. Per chi mi hai preso, per la tua segretaria?

Ok, potrei continuare a lungo questa lista. E rileggendo scopro che, mentre spero che il mondo diventi un posto migliore, forse farei bene a smussare qualche angolo e a chiudere qualche occhio… per il quieto vivere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Related posts