Il bel mangiare / Dolci

Torta di mele 12 cucchiai

Share this post

Quando vizi le persone o le abitui bene poi è difficile fare marcia indietro. Portare qualche dolcetto ai colleghi potrebbe rivelarsi letale!

Scherzi a parte, è davvero passato parecchio tempo dall’ultima volta che mi sono messa ai fornelli per addolcire qualche partita o qualche trasferta sportiva, quindi ieri sera, di buona lena, sono andata in cantina e ho tirato fuori dalla scatolona la mia planetaria (chiamata passionaria da mia mamma) per fare una bella torta.

La ricetta di questa torta di mele mi è apparsa tra i video di Facebook qualche giorno fa e mi aveva colpita, un po’ per la semplicità un po’ per l’originalità della quantità degli ingredienti, eccoli qui di seguito.

12 cucchiai di farina 00; 12 cucchiai di olio di semi di girasole; 12 cucchiai di zucchero semolato; 12 cucchiai di latte intero; 2 uova grandi o 3 piccole; un pizzico di sale, cannella o aroma di vaniglia, una bustina di lievito per dolci; 2 mele piccole e una grande.

Ero tutta contenta di poter utilizzare la mia planetaria, così ho cominciato mettendo le uova e lo zucchero e ho fatto partire la macchina fino a quando ho ottenuto un composto spumoso. Poi ho abbassato la velocità del frustino e ho continuato a mescolare aggiungendo in ordine: l’olio, il latte, la farina, il lievito, la cannella o l’aroma di vaniglia (io ho scelto il secondo), il pizzico di sale. Ho spento la macchina e ho levato la ciotola, ci ho aggiunto le due mele piccole tagliate a cubetti e ho amalgamato con la spatola. Ho imburrato una tortiera di 24 cm (a posteriori ne userei una da 22) con i bordi alti e vi versato dentro il composto. Alla fine ho tagliato la mela grande a spicchi e li ho appoggiati sopra l’impasto nella tortiera. Ho infornato a 180 (preriscaldandolo) per 45 minuti. Ho lasciato raffreddare e poi ho passato una spruzzata di zucchero a velo!

Sarà buona? Se i miei colleghi torneranno vivi da Lucerna per lo meno sapremo che era commestibile 😉

P.S. la prossima volta uso la carta da forno perché nonostante io sia pignola nell’imburrare resta sempre un po’ attaccata…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Related posts