Pensieri e Parole

Capodanno russo!

Share this post

Ci ero già stata l’anno scorso, ma quest’anno è stata tutta un’altra storia! Sto parlando della serata per festeggiare il Capodanno russo, più in generale il Capodanno ortodosso, che si tiene circa due settimane dopo il nostro.

La serata si è tenuta al nono piano del Casinò di Campione e si preannunciava ricca di esilaranti sorprese.

Primo grande pensiero: cosa metto??? Asos mi è venuto in sostegno e meno male che ho azzeccato la taglia al primo colpo e quindi, come quelle vere nei film, eccomi qui pronta per la serata!

Cosa ne dite?

Ora vi mostro la sala, che ho trovato molto elegante, con le luci soffuse, illuminata perlopiù dai candelabri che svettavano al centro di ogni tavolo.

Trovo che le frange bianche tutte intorno ai tavoli hanno creato ancora di più un ambiente chic, ovattato e riservato.

A presentare la serata, la mia amica dei bei tempi andati Julie Arlin (avevi un vestito pazzescoooo)

In compagnia dell’altissima e bellissima Natasha Stefanenko.

Cominciamo con un aperitivo a buffet, con mini-tartare di manzo al profumo di Tartufo, gamberi croccanti in tempura, verdurine in pastella, fantasia di canapè, tartare di tonno con olive taggiasche.

Dopodiché prendiamo posto al nostro tavolo. Giusto, vi starete chiedendo chi mi ha accompagnata: ma la mia bellissima cugina ovviamente! (che però preferisce rimanere nell’ombra).

Passiamo quindi al menù. Il primo piatto era una Shuba russa rivisitata dallo Chef. Io, ignorante in materia, chiedo di cosa si tratta e mi viene spiegato che è la tipica insalata russa delle feste e il nome spiega il piatto “aringa in pelliccia”.

Come primo piatto, un risotto mantecato allo Champagne e chicchi di Melograno.

E come piatto principale, tagliata di manzo cotta a bassa temperatura con salsa alla Stroganoff
accompagnato da tortino di patate e verdura croccante.

E per dessert… Mousse al cioccolato extra fondente alla Smetana

Tra una portata e l’altro spazio a balli, musica, mentalismi (con Federico Soldati), canti, beneficenza e il tempo di conoscere anche una bellissima persona, il cui libro non vedo l’ora di divorare, Marina Di Guardo.

Che dire, è stato bellissimo! Grazie a Rossella Gargano per l’invito ma soprattutto per l’ottima organizzazione. E speriamo di poter ripetere anche il prossimo anno! привет!

 

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Related posts